WEB-MAILWEB-MAIL 2
Ricerca personalizzata
Clienti

F
A
E
N
Z
A

Pubblicità

-->
Condividi Bookmark and Share


Thumbnail Screenshots by Thumbshots

Faenza 

Comune di Faenza (RA)
Homepage


Numero di abitanti al 31/12/00: 53.972
Altezza sul mare:
36 m
Superficie:
km²
Frazioni:
Granarolo e Reda.
CAP:
48018
Prefisso telefonico:
0546
Distanza dal capoluogo di provincia:
km 32
Descrizione:
Il centro della citt costituita dalle piazze della Libert e del Popolo. Da queste partono i corsi principali che dividono la citt stessa in quattro rioni, denominati Rosso, Verde, Giallo e Nero. Su un lato della piazza della Libert si staglia la poderosa mole della Cattedrale, costruita da Federico Manfredi, che pose la prima pietra il 25 maggio 1474. L'opera fu affidata dapprima a Giuliano da Maiano e terminata in seguito da Lapo di Pagno Portigiani. Di stile brunelleschiano, ha facciata incompiuta. L'interno, a tre navate e cappelle esterne, presenta numerose opere interessanti tra cui: il mausoleo di San Savino, opera di Benedetto da Maiano, fratello di Giuliano; la cappella della Madonna delle Grazie, principale patrona della citt; le statue a fianco dell'altare di scuola veneta (sec.XVII). Legato al culto della Madonna lo stendardo appeso al centro della cupola, inviato dalla citt di Varsavia nel 1651 per grazia ricevuta di cessata peste. Nel pilastro destro di ingresso al transetto si trova il monumento funebre al generale Evangelista Masi, di scuola berniniana. La pila acquasantiera di destra e la vasca battesimale in marmo sono invece opera di Pietro Barilotto (1482-1553). Vicino alla cattedrale si eleva Palazzo Laderchi, realizzato alla fine del '700.

Prossima al crocevia tra i due assi stradali principali la barocca Fontana di Piazza di Domenico Paganelli (1545-1624), su disegno di Domenico Castelli detto il Fontanino. I draghi e le aquile ricordano lo stemma del pontefice Paolo V Borghese, allora regnante.
Tipica la Torre dell'Orologio, ricostruita dopo il 1944; in una nicchia si trova una Madonna col bambino di Francesco Scala (sec. XVII). Nella piazza del Popolo sorge il palazzo del Podest (sec. XII), unito alla Torre da un ballatoio. Di fronte si trova il palazzo del Municipio coi suoi antichi merli ghibellini. Da ricordare all'interno la vastissima sala d'ingresso con soffitto a cassettoni e le tre sale del Sole, delle Stelle e delle Rose, cos chiamate dagli affreschi decorativi opera di pittori bolognesi.
Da piazza del Popolo si imbocca corso Mazzini, asse viario sul quale si possono ammirare una serie di costruzioni del periodo '700-800: i palazzi Zanelli, Conti e Gessi e la casa Piani Pasi. Al n. 93 si trova la severa mole in mattoni rustici del palazzo Mazzoleni. In viale Baccarin il museo internazionale delle ceramiche, fondato da Gaetano Ballardini nel 1908, che offre una rassegna interessante ed esauriente dell'arte ceramica con particolare riguardo alla produzione faentina.
Pregevole il teatro comunale Masini; esempio di architettura neoclassica, il risultato di modifiche tardo ottocentesche sull'originale facciata del Pistocchi (1780-1787).
All'inizio di via Santa Maria dell'Angelo, il palazzo Gesuiti ospita la Pinacoteca comunale, che racchiude opere di Donatello, Guardi, Palmezzani, Rambelli e altri artisti toscani, emiliani, romagnoli e stranieri.
Nella piazza Fr Sabba da Castiglione si colloca la chiesa della Commenda. Fondata nel XII secolo e ampliata nel XIII, conserva una serie di affreschi di Girolamo da Treviso il Giovane. In piazza Maria foris portam sorge la chiesa di Santa Maria Vecchia, di epoca medievale, con all'interno tele del Missiroli, di Savino Lega, Rocchetti e Gaspare Sacchi (sec. XVI). Il suo campanile, a forma ottagonale con scala a chiocciola interna ed anima cilindrica, uno dei pi importanti monumenti altomedievali della regione. Vicino alla chiesa sorge il convento, dove nel 1072 mor S. Pier Damiani. Poco lontano si leva palazzo Milzetti, raro esempio dell'et neoclassica, che presenta affreschi del Giani, decorazioni del Bertolani, sculture del Trentanove ed infine bassorilievi dei fratelli Babanti Graziani.
A circa sei chilometri dal centro si trova la Torre di Oriolo dei Fichi, antico castello a base esagonale, risalente al sec. IX, in cui trov rifugio il frate Alberico Manfredi di dantiana memoria.
A Faenza nella quarta domenica di giugno si tiene il palio del Niballo, una giostra medievale tra i rioni della citt, accompagnata da esibizioni di sbandieratori.
MUSEI RIONALI DEL PALIO DEL NIBALLO
Esposizione di armature, costumi
Visitabile tutto l’anno
Info 0546 660663
Rione Giallo - Via Bondiolo, 8 FAENZA (RA)

MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE
Visitabile tutto l’anno
Orario: dal martedì al sabato 9.00 - 19.00 domenica e festivi 9.30 - 13.00 / 15.00 - 19.00 chiuso il lunedì
Torna alla homepage Cerca nel sito Scrivi una mail Portfolio clienti | Appuntamenti | Aziende | Casa | Comuni | Lavoro | Rubriche | Sport | Info_Utili | No_Profit | Pubblicità
Ultimo aggiornamento 11.01.16 :: :: Admin
Copyright 2000/2014 GRIFO.ORG Srl - Tutti i diritti riservati
Siti partner noleggio autogru e piattaforme aeree | noleggio barca vela grecia | boxercentonara | allevamento cani golden retriever | cuccioli cani labrador | cuccioli cani maltesi | cani shihtzu | noleggio camper emilia romagna | castellobasket.it | cristoferi | esserbella | gamaweb.it | arredo giardini | manodopera agricola | abbigliamento e accessori sport | accessori e assistenza camper Bologna | cinghie dentate | selezionatrici ottiche | virtusimola.com