WEB-MAILWEB-MAIL 2
Ricerca personalizzata
Clienti
Prossimi appuntamenti sportivi
Pubblicità

Condividi Bookmark and Share


Thumbnail Screenshots by Thumbshots

Notizie sportive 

Carlotta Giovannini trascina la Biancoverde al 5 posto

Carlotta Giovannini trascina la Biancoverde al 5° posto nella gara di Schio davanti al nuovo sponsor tecnico Sagester

La vicecampionessa europea strapazza tutti al volteggio e incanta alle parallele, ma la russa Chibiskova regala a Travagliato il sorpasso in classifica. Imola ora è al 7° posto e si giocherà la salvezza nella gara di Mortara. La Biancoverde ha sfoggiato le nuove divise realizzate dall’azienda vicentina, partner della ginnasta azzurra.

SCHIO _ Per Carlotta Giovannini, come per le altre azzurre, la gara di Schio (in differita su Rai Sat, giovedì o venerdì) era la prima uscita dopo gli Europei. Beh, la risposta della ginnasta imolese è stata di grande spessore. Carlotta ha infatti trascinato la Biancoverde chiudendo con un punteggio totale di 57.550, il terzo assoluto dietro a quelli di Vanessa Ferrari (59.450) e Paola Galante (58.350), portacolori della Brixia. Non fosse stato, poi, per un errore nella prima diagonale del corpo libero, Carlotta avrebbe tranquillamente portato a casa il secondo score di giornata. Ottime notizie, invece, dagli altri attrezzi. Con il sesto punteggio alla trave, il primo al volteggio e, cosa più importante, il terzo alle parallele, grazie a un esercizio di notevole spessore.

Sagester ‘veste’ Carlotta e la Biancoverde. Ma prima di entrare nella cronaca della gara, è importante segnalare un importante accordo siglato proprio alla vigilia di questo impegno in terra veneta. Sarà infatti la Sagester, ditta di Zanè che trova la sue radici nel nome di Ester Saggin, fondatrice di questo marchio venti anni or sono. Assistita dal marito Donato e dalle figlie Elena e Roberta, Ester Saggin ha costruito una azienda famiglia ma sempre all’avanguardia, presente in numerose discipline, tra le quali nuoto sincronizzato, pattinaggio (rotelle e ghiaccio) ginnastica artistica e ritmica. Carlotta Giovannini si aggiunge, quindi, ad altri atleti di grande spessore, in primis Barbara Fusar Poli e Maurizio Margaglio. Sagester (www.sagester.it), tra l’altro, ha già disegnato alcuni body vincenti della Giovannini, ci riferiamo a quelli indossati negli Europei di Amsterdam e Clermont-Ferrand.

Sabato, subito dopo l’allenamento del mattino, gli allenatori Giacomo Zuffa ed Eleonora Gatti hanno accompagnato la squadra a Zanè, località a pochi minuti da Schio, e lì Giovannini e compagne hanno indossato il nuovo body sgargiante della Biancoverde, ma anche l’elegante divisa studiata appositamente dalla Sagester. In serata, poi, i signori Ester e Donato sono accorsi al PalaCampagnola per ammirare la Biancoverde griffata Sagester.

La gara: il sorpasso di Travagliato. Zuffa si aspettava un progresso in questa gara vicentina e Imola ha risposto, anche se solo per pochi decimi, visto che il 107.900 è superiore di meno di un decimo dal punteggio di Genova. Nonostante il quinto posto alle spalle di Brixia Brescia (118), Lissone (112.700), Travagliato (111.350) e Trieste (108.900), Imola si è vista sorpassata in classifica proprio dall’Estate 83 Travagliato, che ha schierato in tutti gli attrezzi la russa Maria Chibiskova, che invece non potrà gareggiare nell’ultima tappa di Mortasa. Senza di lei, la squadra di Parolari avrebbe totalizzato quasi cinque punti in meno e questo lascia tutto aperto per la salvezza, anche se Imola per restare in A1 dovrà recuperare 2.8 punti su Roma, oppure più di 3 su Padova e Travagliato.

Prima rotazione: trave. Arianna Gozzi apre la contesa con un buon 13.450 e Carlotta Giovannini uguaglia il suo high stagionale con un ottimo 14.550. Chiude la senese Giulia Leni che, complice una caduta, totalizza 13.050. La rotazione si chiude con Imola (28.000) seconda dietro alla Brixia (28.550) e davanti a Lissone (27.700)

Seconda rotazione: corpo libero. Dopo l’ottima performance degli Europei, Carlotta sbaglia nella prima diagonale e si ferma a 13.150. Lorenza Montroni (11.050) e Giulia Leni (11.450) completano il terzetto imolese che fa scivolare la Bincoverde al sesto posto (52.600) dietro a Brixia (59.050), Trieste (55.750), Estate ’83 (55.70), Lissone e Padova.

Terza rotazione: volteggio. Imola rimonta al volteggio perché dopo Righini (12.450) e Gozzi (13.150) ecco la vicecampionessa europea. Esecuzione perfetta, atterraggio sicuro, la Giovannini incassa un 15.000, impossibile da battere per chiunque. Imola chiude la rotazione quinta (80.750), dietro Brixia, Lissone, Travagliato e Trieste.

Quarta rotazione: parallele. Il finale è dedicato alle parallele: Ariazza Gozzi fa 12.300, poi tocca a Carlotta che impressiona. Nessuna sbavatura e il 14.850 è il terzo punteggio di giornata. Infine la Leni fa 11.650

Classifica dopo tre prove: 1) Brescia 351.200, 2) Lissone 332.600, 3) Trieste 330.350, 4) Padova 321.850, 5) Travagliato 321.400, 6) Roma 320.700, 7) Imola 317.950, 8) Seveso 303.450, 9) Bologna 290,00.
Notizia di domenica 13 aprile 2008


Vai all'elenco notizie sportive


Torna alla homepage Cerca nel sito Scrivi una mail Portfolio clienti | Appuntamenti | Aziende | Casa | Comuni | Lavoro | Rubriche | Sport | Info_Utili | No_Profit | Pubblicità
Ultimo aggiornamento 06.04.20 :: :: Admin
Copyright 2000/2020 GRIFO.ORG Srl - Tutti i diritti riservati
Siti partner noleggio autogru e piattaforme aeree | boxercentonara | allevamento cani golden retriever | cuccioli cani labrador | cuccioli cani maltesi | cani shihtzu | castellobasket.it | cristoferi | esserbella | gamaweb.it | arredo giardini | abbigliamento e accessori sport | accessori e assistenza camper Bologna | biglietto da visita digitale | virtusimola.com